COS’È IL CONTENT MARKETING

Content Marketing: negli ultimi anni si è fatto spesso ricorso a questa definizione, non sempre a proposito. Di certo, si tratta di uno strumento di marketing sempre più usato da grandi e piccoli marchi, anche perché ha già ampiamente dimostrato la sua efficacia. Allora perché in Italia non è ancora così diffuso come altrove? Forse semplicemente perché molti non sanno cos’è il Content Marketing.

Per farla breve, Content Marketing significa attirare e fidelizzare clienti tramite la creazione di contenuti di rilievo. È qualcosa di diverso dalle tradizionali strategie pubblicitarie per costruire una clientela, tanto nei mezzi, quanto negli obiettivi.

Non si tratta, infatti, di colpire l’attenzione del pubblico con una serie di annunci one-shot (magari anche parte di una campagna e una strategia ad ampio raggio, ma comunque piuttosto dispersivi). E non si tratta nemmeno di cercare di vendere qualcosa – un prodotto o un servizio – in maniera diretta.

COME FUNZIONA IL CONTENT MARKETING

Il Content Marketing prevede, come detto, la creazione di contenuti interessanti per un determinato target, che abbiano le potenzialità per intrattenere, incuriosire, informare o addirittura educare. Spesso si tratta di contenuti forniti in maniera continuativa, ma ci sono in realtà anche casi di contenuti singoli.

Lo scopo non è la vendita, o quantomeno non sul breve periodo, quanto piuttosto la costruzione di un rapporto con il cliente. Che, attraverso la fruizione e la condivisione dei contenuti, contribuisce a promuovere e rafforzare il brand che li ha creati.

Insomma, fare Content Marketing significa non accontentarsi di vendere qualcosa a un cliente e poi tanti saluti. Significa instaurare una relazione, coltivarla e rafforzarla nel tempo. Con risultati magari meno immediati, ma molto più duraturi.

CONTENT MARKETING: DI CHE CONTENUTI STIAMO PARLANDO?

Il Content Marketing può essere fatto in tanti modi e attraverso la creazione di diversi tipi di contenuti. Di seguito qualche esempio, ma in realtà l’unico limite è la fantasia (unita magari a un po’ di buona analisi di mercato):

un web magazine su un tema attinente al marchio: per esempio, nel caso di un brand di abbigliamento sportivo, potrebbe trattare il mondo dello sport e del fitness in generale.

un ebook divulgativo: un’agenzia di comunicazione potrebbe mettere in free download sul suo sito un libro digitale che spieghi qualche facile trucco di SEO [http://marcoagustoni.it/10-trucchi-seo-facili/] (magari chiedendo in cambio la mail di chi lo scarica, per poterlo contattare).

una webserie tramite cui guadagnare un buon seguito su Youtube e comunicare i valori del brand: ad esempio, un marchio di cucina potrebbe pensare a un format ambientato nel mondo dei fornelli.

dei giochi online: ad esempio, lo sviluppatore di una app per “allenare il cervello” potrebbe creare una serie di test online divertenti, per poi fare da ponte verso l’acquisto dell’app stessa.

Questi sono solo alcuni piccoli spunti, ma come detto le possibilità sono molteplici. Il Content Marketing può essere realizzato sia offline che online, anche se la seconda via è quella più praticata, perché concede più possibilità, ma soprattutto perché permette di analizzare facilmente una gran mole di dati.

SEO CONTENT MARKETING

Per quanto riguarda l’online, il Content Marketing consente anche di svolgere un’altra attività basilare, ossia fare SEO. La Search Engine Optimization è l’ottimizzazione di un sito o di una pagina web per i motori di ricerca, per far sì che questa compaia tra le prime posizioni nelle ricerche fatte su Google e affini.

Creando contenuti online, ho infatti la possibilità di andare a colonizzare una serie di parole chiavi utili per la mia attività. Questo, ovviamente, lo si può fare dopo avere svolto un’analisi delle keysearch rilevanti e solo conoscendo i principi del SEO. Ma figurare in cima alle ricerche di Google è fondamentale per qualsiasi tipo di attività.

I VANTAGGI DEL CONTENT MARKETING

Una volta visto cosa significa Content Marketing, passiamo a illustrare i suoi vantaggi. Come detto, questa pratica ha il pregio di fidelizzare il cliente, di coinvolgerlo quindi a lungo termine, creando una relazione duratura. Non solo: il cliente stesso si fa promotore del tuo brand, di cui diventa un vero e proprio fan.

Il Content Marketing, infatti, è vissuto in maniera più serena della pubblicità. Innanzitutto è percepito come meno invasivo, anche perché il più delle volte parla di ciò che vendi solo in modo indiretto, concentrandosi piuttosto sul mondo che circonda il prodotto.

Inoltre, il consumatore ha la percezione di ricevere qualcosa – informazioni, divertimento – in cambio della sua attenzione, cosa che invece non avviene con il normale advertising. Dall’incontro con il tuo brand ne uscirà in qualche modo arricchito.

In sostanza, il Content Marketing ti aiuta a creare un vero e proprio immaginario attorno al tuo brand o prodotto. Si tratta di un rapporto più solido di una semplice transazione commerciale, e soprattutto più profondo. Un rapporto che, se gestito bene, può portare a dei benefici concreti e su lungo termine.

Sei interessato alle potenzialità del Content Marketing applicate alla tua attività? Scrivimi pure, oppure compila il form qui sotto!

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo messaggio

A proposito dell'autore

Giornalista freelance e copywriter nato a Milano nel 1981, collaboro con Sky.it, Onstage, WU Magazine e Club Milano e mi occupo di Content Marketing per Enrico Rizzi - Milano.

Post correlati